Home Prima Squadra Un buon Telve cade a Cavalese

Un buon Telve cade a Cavalese

200
0

FIEMME CR – TELVE 2-1 (1-0)

TELVE

EMANUELE TOMIO
NICOLA BERTI
MICHAEL MEZZANOTTE
FRANCESCO PATERNO
GIANLUCA SLOMPO 61'
VITTORIO SALVELLI
MARCO MENGUZZATO
MICHELE CO’
MATTIA MEZZANOTTE
ALESSANDRO SBAFFO
SIMONE AGOSTINI
STEFANO MARCHI
GIOVANNI ZANETTI
EFREM GIROTTO
FRANCESCO MICHELETTI

La giovane “Peruzzi band” non riesce a bissare il risultato positivo esterno ottenuto all’esordio e torna da Cavalese senza punti ma facendo vedere diverse cose interessanti, buon viatico per il futuro del campionato.
L’unico cambiamento rispetto all’undici sceso in campo a Bedollo è l’inserimento di Co al centro della difesa al posto dello squalificato Stefano Agostini.
Inizio di partita al piccolo trotto, e sarà così per una mezzoretta, con il Telve che si fa vedere al 6′ con una discesa sulla sinistra di Micheletti il cui tiro viene messo in angolo da Cincelli. Gli ospiti sembrano più pimpanti e al 13′ è Sbaffo a vedersi deviato in angolo il tiro da un difensore dopo una bella azione corale avviata da Girotto e proseguita da Marchi.
Quattro minuti dopo il Fiemme si presenta per la prima volta dalle parti di Tomio con un tiro velleitario da lontano che non impensierisce il numero 1 telvato. I padroni di casa prendono coraggio e al 22′ costruiscono un’azione da gol con l’attaccante che, saltato l’ultimo uomo, non riesce però a mettere in mezzo per i compagni.
Un gran tiro dalla distanza di Agostini al 31′ viene messo in angolo da Cincelli che un minuto dopo si impappina non trattenendo un facile tiro e permettendo a Micheletti di superarlo ma, da posizione defilata, non riesce a chiudere.
Al 41′ arriva, piuttosto a sorpresa,  il vantaggio dei padroni di casa quando un lancio in profondità non viene agganciato da Berti, scivolato, e arriva così sui piedi di Demozzi che da poco entro l’area incrocia battendo Tomio sul suo palo di sinistra.
Prima del fischio che manda le squadre negli spogliatoi Slompo calcia dalla distanza ma Micheletti, appostato sulla traiettoria, non riesce a intervenire per un soffio.
In definitiva più Telve che Fiemme nel primo tempo…ma il gol lo hanno fatto i padroni di casa.
Alla prima azione del secondo tempo il Telve va in rete con Marchi lanciato dalle retrovie e trovatosi solo davanti a Cincelli, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Sul ribaltamento di fronte Tomio è bravo a uscire e parare in due tempi sull’attaccante fiemmese lanciato a rete.
Un Menguzzato un po’ in difficoltà sul attaccante di casa si fa superare in velocità al 9′ e lo atterra da dietro causando un netto calcio di rigore sul quale Tomio ipnotizza l’attaccante e respinge da campione distendendosi sulla destra.
I gialloverdi ripartono subito e al 10′ imbastiscono una bella azione sulla sinistra con Micheletti che arrivato sul fondo mette in mezzo un cross rasoterra sul quale Girotto finta l’intervento consentendo il calcio a Slompo che arriva da dietro di gran carriera, ma la palla sfiora il palo alla destra di Cincelli.
Ancora un’occasione per parte prima dell’inizio delle sostituzioni e del meritato pareggio del Telve con un’azione analoga a quella del 10′, ma questa volta la staffilata di Slompo è imprendibile per l’estremo di casa.
A cavallo del 17′ sono ancora gli ospiti a farsi pericolosi prima con una punizione di Agostini parata da Cincelli e sul prosieguo dell’azione con la palla rubata al limite dell’area ma non sfruttata al meglio.
Il Telve vuole l’intera posta e così si sbilancia un po’ troppo offrendo il fianco al contropiede avversario che al 28′ si concretizza con un affondo sulla fascia sinistra e il cross rasoterra al centro per Tomasi che, indisturbato, non ha difficoltà a battere Tomio.
Gli ospiti subiscono il contraccolpo del gol e prima del 90′ in due occasioni Tomio si oppone con bravura ai tiri ravvicinati degli avanti di casa.
I minuti di recupero vedono il forcing del Telve con Zanetti che sfiora il gol di testa e con Cincelli bravo a mettere in angolo.
La bella partita termina con un 2-1 per i padroni di casa che sta un po’ stretto al Telve perché, anche se il portiere è stato uno dei migliori in campo, il pallino del gioco è rimasto per lo più in mano giallo-verde con numerose azioni da rete.

(200)

ACCESSO VELOCE A CALENDARI E RISULTATI