Home Prima Squadra 19 maggio 2019: è PROMOZIONE

19 maggio 2019: è PROMOZIONE

583
0

TELVE – VERLA 2-2 (1-1)

TELVE

GABRIELE MYLONAS
LORENZO TERRAGNOLO
MICHAEL MEZZANOTTE
PETER AGOSTINI
GIANLUCA SLOMPO
MARCO MENGUZZATO
MICHELE CO’
EFREM GIROTTO
SAMUELE COLME
STEFANO MARCHI
VITTORIO SALVELLI 62'
DAVIDE MARCHI
SIMONE AGOSTINI
ALESSANDRO SBAFFO 30'
GIACOMO FEDELE

A 27 anni di distanza il Telve torna in Promozione al termine di un campionato in crescendo, esaltante e con un risultato finale assolutamente inaspettato e non presente nei programmi di inizio stagione.
La vittoria in campionato arriva matematicamente addirittura con una giornata di anticipo sulla conclusione del torneo grazie al pareggio casalingo con il Verla al termine di una partita fin troppo “vera”, giocata alla morte dagli ospiti che, pur non avendo niente da chiedere al loro campionato, hanno cercato in tutti i modi di infliggere ai padroni di casa la prima sconfitta dal lontano settembre 2018…e quasi ci sono riusciti.
Davanti a un pubblico numeroso nonostante la pioggia e straordinariamente caldo e vicino alla squadra, i ragazzi di mister Peruzzi partono molto timorosi probabilmente a causa della tensione e rimangono quasi in balìa degli avversari per tutto il primo tempo.
Il Verla fa più gioco e si fa vedere con alcune azioni dalle parti di Mylonas, che peraltro non corre mai alcun pericolo; solo due colpi di testa dei cembrani su azioni di calcio d’angolo e una punizione da fuori area mettono un po’ in apprensione la difesa di casa.
Al 28′, alla prima vera sortita in avanti, il Telve passa con Sbaffo che dialoga con Girotto e infila Pellegrini in uscita con un preciso diagonale.
Il Verla non ci sta assolutamente e prima Tarter non conclude a pochi passi da Mylonas e poi al 37′ Bernardi pareggia con un preciso diagonale dai sedici metri.
Il gol ospite non scuote il Telve che inizia la ripresa sulla falsariga di come ha giocato la prima frazione e al 9′ subisce addirittura il gol dello svantaggio sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto in profondità e sul quale ancora Bernardi svetta di testa superando Mylonas con un pallonetto.
Ci vuole il gol ospite per scuotere la squadra del presidente Pevarello, che da questo momento ritrova la grinta e un po’ di bel gioco spingendosi in avanti e chiudendo il Verla nella propria metà campo.
Prima Cò (10′) incorna di testa poco sopra la traversa su azione di calcio d’angolo, poi (12′) ancora su angolo di Stefano Marchi, Simone Agostini calcia da fuori e trova sulla traiettoria Sbaffo la cui deviazione viene salvata da Pellegrini. Subito dopo una punizione di Simone Agostini (per l’ennesimo fallo subìto da Girotto) è parata facilmente da Pelelgrini.
Nel frattempo entra in campo Salvelli per Stefano Marchi…
Al 15′ una grande giocata di Girotto sulla destra si conclude con una deviazione in angolo della difesa cembrana, ma è il preludio al gol che è nell’aria: dal piede di Girotto al 17′ parte il cross in area per l’incornata vincente di Salvelli che al 17′ fa esplodere il “Diego Pecoraro”.
Il Telve continua a comandare il gioco per qualche minuto e si fa pericoloso con una punizione di Slompo, ma il Verla non demorde a anzi si spinge in avanti fino al 93′ alla ricerca della vittoria di prestigio, ma i padroni di casa si difendono con ordine fino al fischio finale che scatena l’entusiasmo in campo e sugli spalti…
…ma questa è un’altra storia che racconteremo  più tardi con le immagini.
E poi la premiazione sul campo, con la coppa consegnata da Paolo Guardaldo, vice presidente vicario del Comitato autonomo trentino della FIGC
Il giovane Telve di mister Peruzzi si issa quindi sul gradino più alto del podio grazie a un campionato quasi perfetto, a un gruppo affiatatissimo, a un mister che lo ha saputo gestire in maniera impeccabile e a una società che, per quanto piccola, ha sostenuto in tutti i modi il cammino della propria prima squadra.
Nell’articolo odierno di commento alla partita, il giornale “Il Trentino” assegna la palma di migliore in  campo a “tutto il Telve” e secondo noi la motivazione rispecchia in pieno la realtà: “nel giorno della vittoria è d’obbligo omaggiare tutta la società. Una realtà sana e organizzata che ha saputo costruire i propri fasti sul settore giovanile.  La filiera del vivaio gialloverde è cresciuta a dismisura e ha saputo innervare di talento la Prima squadra. Il progetto tecnico del Telve, partito ormai diversi anni fa, arriva a compimento grazie ai propri terribili ragazzi. Chapeau.”
Un solo rammarico: che a festeggiare con noi non ci siano due persone che questo progetto hanno contribuito grandemente a farlo partire. Lassù però sicuramente anche David e Fiorenzo stanno festeggiando!
Domenica prossima il torneo si conclude a Calceranica, in una partita che ha non ha niente da dire per il Telve neopromosso ma che i ragazzi andranno a giocare volendo chiudere al meglio.

(583)

ACCESSO VELOCE A CALENDARI E RISULTATI