Caro David

4
0

david micheletti web2

01.02.2016 – Tuta dell’US, davanti al murale che hai voluto tu, con lo sguardo verso il campo da gioco ma che spazia oltre, più avanti…con un accenno di sorriso sul volto.
E’ un’immagine che secondo noi ti rappresenta piuttosto bene e noi vogliamo ricordarti così.

Venerdì scorso, al tuo funerale, don Renzo ha fatto il “sold out” in Chiesa, con gli amici che hanno occupato anche metà piazza Maggiore…fino sotto le finestre della tua casa paterna.

Al termine della celebrazione i tuoi “Ragazzi del ’99”, per bocca di Samuele e Giacomo, ti hanno ricordato così:
“Ciao David,
qualche giorno fa purtroppo ci hai lasciati.

Volevamo ringraziarti per tutti gli anni in cui sei stato il nostro allenatore e come un fratello maggiore per noi.
Non dimenticheremo mai quel 17 maggio, quando abbiamo conquistato il campionato: non era solamente una vittoria calcistica, ma era una vittoria sotto ogni aspetto, il frutto di una crescita come gruppo.
Non dimenticheremo mai gli allenamenti insieme: abbiamo iniziato che eravamo dei bambini e ora siamo diventati grandi con i valori che ci insegnavi tu, dentro e fuori dal campo; ci hai preparati a diventare uomini e tu sei stato un modello per noi, un vero uomo.
La tua vera forza, che trasmettevi a noi, è sempre stata quella di riuscire a trovare sempre il lato positivo in ogni cosa, tirando fuori il meglio di noi in ogni situazione.
Ci hai insegnato ad essere un gruppo di amici prima di essere calciatori e ci hai trasmesso la gioia di amare questo sport.
Ma soprattutto ci hai insegnato ad amare la vita e affrontare ogni giornata con un sorriso, quel sorriso che non ti mancava mai.
Non ci hai mai fatto mancare una pacca sulla spalla, un sorriso, un consiglio, una battuta per tirarci su, un “Ciao bomber!” quando ci incontravi.
Ti ricorderemo sempre sorridente, disponibile, ottimista, sempre pronto a dare molto per gli altri, orgoglioso di noi, che eravamo una delle tue vittorie.
Grazie David, sarai sempre con noi, sul campo e nella vita di tutti i giorni: chi vive nel cuore di chi resta non muore MAI!

Tutti per uno, uno per tutti!
I tuoi ragazzi”

vigo1

 

E anche i tuoi amici della direzione, con la voce di Antonello, hanno voluto lasciarti un ricordo:
“Ciao David,
lo sapevamo già, ma in questa occasione abbiamo avuto la conferma che eri molto apprezzato e benvoluto da tante, tantissime persone.
Le testimonianze di solidarietà e di vicinanza che sono arrivate all’US Telve, sia nei modi tradizionali che tramite i “social” –come si usa dire oggi- sono state innumerevoli e portiamo a Lorena e alla famiglia anche l’affetto di tante persone e società sportive che ci hanno chiesto di fare da tramite.
D’altronde i tuoi molteplici interessi hanno fatto sì che fossi conosciuto un po’ dappertutto, e i molteplici interessi li hai portati anche ai bordi e dentro il campo da calcio.
Hai unito la passione del pallone con quella della formazione insegnando ai ragazzini a giocare a calcio e a crescere come uomini; assieme a Paolo hai tra l’altro instaurato un rapporto particolare con i vostri “Ragazzi del ‘99”!
Lo spirito di solidarietà verso “chi ha meno” ti ha fatto ideare e portare avanti -con il fondamentale aiuto di Lorena- l’iniziativa “Un calcio all’indifferenza” che per cinque anni ha unito il calcio all’aiuto verso chi è bisognoso. Ci impegniamo a proseguirla, anche se senza di te non sarà facile.
E collegata a questa c’è un’altra idea che l’US Telve deve a te: il murale “FORZA TELVE” che campeggia sulle tribune del nostro campo sportivo e che, anche in questo caso, unisce lo sport all’attenzione per i bisogni, in questo caso dei bambini.
Un corso di Photoshop ti aveva fatto diventare ormai quasi esperto in grafica ed ecco, prima l’idea delle magliette “Cuore gialloverde” e poi quella del gagliardetto e della sciarpa dell’Unione Sportiva, che ora quando vedremo e indosseremo ci riporteranno ancora di più a te.
Non hai invece fatto in tempo a portare a termine l’ultima tua creazione: il pannello gigante sui 50 anni dell’US Telve che proprio in questo fine settimana avevi in programma di installare al campo. Lo faremo noi, sempre con il pensiero a te.
Eri quindi diventato ormai un esperto multimediale stupendoci con effetti speciali fotografici e video, abbellendo la sede e il bar del campo sportivo con le foto di tutte le squadre e deliziandoci con i filmati in occasione delle feste.
E ci hai voluto stupire con un effetto speciale anche andandotene: stesso giorno della settimana, stesso giorno del mese, più o meno stessa ora di Fiorenzo, a un anno e mezzo di distanza dal vicepresidente che ti ha preceduto…e che già lassù starai aggiornando su quanto ha fatto la vostra società negli ultimi mesi.
Caro David, lasci un vuoto immenso. Nella tua famiglia innanzitutto, ma anche in quella dell’US Telve, che non ti dimenticherà mai e che ti vedeva come un dirigente su cui puntare per i prossimi decenni.
Da lassù abbi cura di noi, della tua famiglia e soprattutto di Lorena e della tua bambina.
Vogliamo salutarti, David, riprendendo uno tra le centinaia di commenti alla notizia della tua morte che sono stati lasciati sulla pagina Facebook dell’US Telve:
“Tutte le volte che avrò l’occasione di incontrare gli occhi della tua piccola che sta per arrivare, da qui a quando Dio me ne darà l’occasione, le dedicherò un sorriso particolare.
Quel sorriso semplice che sapevi regalare sempre tu e che lei merita di vedere dal viso di tutti quelli che ti hanno incontrato e che hanno avuto il piacere e l’onore di conoscerti.
Quel sorriso che le racconti quanto era speciale il suo papà”.
Ciao David”

micheletti david

 

 
 

(4)

ACCESSO VELOCE A CALENDARI E RISULTATI