Home Giovanili Juniores La Juniores sfiora l’impresa

La Juniores sfiora l’impresa

218
0

FIEMME CR – TELVE 2-2 (2-1)

TELVE

SIMONE FRATTON
GIACOMO PALU’
FEDERICO STROPPA
MICHELE DEBORTOLI
ALEX BALDI
LORENZO ORSINGHER
SAMUELE TRENTIN
CHRISTIAN PECORARO
CHRISTIAN GUERZONI 29'

Una bella partita giocata a viso aperto da Fiemme e Telve quella andata in scena ieri pomeriggio sullo stupendo impianto di Cavalese…peccato che il risultato non serva a nessuna delle due squadre. Di sicuro non al Fiemme, ormai fuori dai giochi per la vittoria finale, molto probabilmente nemmeno al Telve, che rischia di perdere il campionato…per un gol…
I gialloverdi di Dalfollo-Orsingher scendono in campo con il solito 4-4-2, anche se i protagonisti sono leggermente diversi: davanti a Fratton giocano Palù e Berti come terzini e Fedele e Baldi difensori centrali. A centrocampo Pecoraro e Debortoli con Samuele Trentin e Mezzanotte esterni mentre davanti è confermata la coppia Guerzoni-Zanetti.
Il primo tempo è decisamente di marca fiemazza con un bel gioco messo in mostra dai padroni di casa e ospiti invece in difficoltà a contrastare soprattutto due giocatori: l’esterno sinistro Capra sul quale Berti va ogni tanto in difficoltà e il centrocampista avanzato Volcan dal quale parte la maggior parte delle azioni.
Già al secondo minuto il Fiemme si va federe con un tiro che termina fuori e dopo un po’ di minuti di gioco a centrocampo senza particolari sussulti, i padroni di casa passano in vantaggio: è il 15′ e l’azione parte da una mancata comunicazione fra Baldi e Fedele che si “contrastano” poco sotto la metà campo lasciando palla al veloce contropiede concluso con un cross dalla sinistra di Capra messo facilmente in rete da Volcan.
Al 27′ ancora un cross di uno scatenato Capra viene messo alto da un compagno di squadra, ma due minuti il Telve raggiunge il pareggio con una bella azione avviata da Baldi con una sventagliata a pescare millimetricamente Mezzanotte sulla destra; il cross del rientrante esterno del tesino è perfetto sul secondo palo dove Zanetti anticipando portiere e difensore fa stupendamente da ponte in mezzo all’area dove un solissimo Guerzoni non ha difficoltà a depositare in rete di testa a porta vuota.
Al 34′ è ancora molto bravo Capra a liberasi sempre sulla fascia sinistra mettendo fuori di poco.
Quando ormai la testa è quasi negli spogliatoi un rinvio da fondo campo sbagliato di Fratton dà la possibilità alla coppia Capra-Stoffie di chiudere in rete facilmente per il 2-1.
Un tiro cross dalla destra dei padroni di casa che sfiora la parte superiore della traversa al 44′ e un tiro dalla distanza di Debortoli appena fuori dall’incrocio dei pali al 45′ precedono il fischio dell’arbitro che manda i ragazzi negli spogliatoi.
Peccato essere sotto per due nostri errori!
Nella ripresa spazio dal primo minuto a Girotto per uno stremato Mezzanotte e il primo quarto d’ora vede in campo solo il Telve che colleziona almeno cinque clamorose palle gol.
Si comincia già al primo minuto con Zanetti, ben imbeccato in profondità da Baldi, che dopo aver ingaggiato un duello con il difensore si presenta solo davanti al portiere Varesco che si slava di piede.
Passano sessanta secondi e arriva la seconda occasione quando Guerzoni serve molto bene Trentin il cui tiro cross termina fuori di poco.
All’8′ sembra fatta perché Zanetti ci crede fino in fondo e ruba palla al portiere che lo atterra in area per un sacrosanto calcio di rigore. Sul dischetto va Girotto ma il suo tiro abbastanza centrale viene respinto da Varesco e la sfortuna vuole che la ribattuta finisca sullo stinco dello stesso Girotto che non riesce a ribadire in rete.
L’errore non abbatte la squadra che al 10′ è ancora lì: bella apertura di Fedele sulla destra per Girotto che addomestica la palla con una delle sue magie, lascia sul posto l’avversario e da posizione molto angolata supera Varesco incocciando però il palo.
Altra clamorosa occasione al 14′ quando Pecoraro trova Girotto sulla destra, solito show sugli avversari e palla al centro con il portiere ormai fuori causa, ma il tiro di Guerzoni viene ribattuto da un difensore.
Fra il 15′ e il 17′ il Fiemme si scuote e dà modo a un grande Fratton di mettersi in mostra, prima ipnotizzando l’avversario che si è presentato solo davanti a lui in un veloce contropiede e poi mettendo in angolo da gran campione una punizione indirizzate nel “sette” alla sua destra.
Il Telve rifiata dopo un quarto d’ora a tutta e il Fiemme si fa vedere ancora al 28′ con un tiro alto.
Nel frattempo la panchina gialloverde prova l’azzardo cambiando l’assetto in un 3-4-3 (che è praticamente un 3-3-4), inserendo Stroppa per Palù.
Al 29′ arriva il meritatissimo pareggio con Zanetti lanciato in profondità che questa volta, a tu per tu con Varesco, lo supera.
Come detto in apertura il pareggio non serve a nessuna delle due squadre e quindi anche l’ultimo quarto d’ora di partita è giocato a viso aperto con il Telve molto pericoloso. Al 32′ Girotto serve Zanetti, sul quale è ancora bravo il giovane Varesco.
Due minuti dopo è Guerzoni a dribblare il diretto avversario sulla sinistra entrando in area vicino alla linea di fondo e provando il tiro sul primo che però non sorprende Varesco, bravo a mettere in angolo.
Sessanta secondi dopo è un tiro cross di Girotto a finire fuori mentre al 41′ un contropiede del Fiemme viene sventato ancora alla grande da Fratton, capace di salvare la porta con un uscita sull’avversario lanciato da solo a rete.
Ancora due belle occasioni gialloverdi nei minuti finali con Zanetti molto bravo al 43′ e con una punizione dalla destra di Pecoraro al 46′ girata molto bene al volo da Fedele, purtroppo però sopra la traversa.
Triplice fischio e fine di una gran partita, soprattutto nel secondo tempo.
Da parte telvata il rammarico di aver subìto due gol su altrettanti errori e di aver sciupato un tiro dagli undici metri…ma il calcio è anche questo.
Viaggio di ritorno attendendo il risultato di Borgo dove, in “zona Cesarini” i padroni di casa superano il Calisio vanificando, forse, il bel campionato del Telve. Il finale comunque potrebbe riservare delle sorprese perché a due giornate dal termine, anche se gli scontri diretti sono terminati, la vetta della classifica vede ben cinque squadre racchiuse in due soli punti

(218)

ACCESSO VELOCE A CALENDARI E RISULTATI